Blog

Una finestra sulla vita del Monastero
HomeASCOLTO DELLA PAROLALA PREGHIERA DI OGGI

ASCOLTO E PREGHIERA

La preghiera dell’essere

È necessario avere della preghiera una visione ampia, totale e inesauribile: la preghiera è una realtà di cui nessun uomo ha scrutato i confini; è un’ esperienza di cui nessun uomo ha varcato le ultime soglie. Siamo sempre in cammino, e più si va avanti più si scoprono orizzonti, più si cammina e più si avanza.La preghiera, infatti, è essenzialmente un mistero e, come tale, viene da Dio creatore del cielo e della terra. Così ci spiega la bellissima esclamazione di sant’Agostino: «Ci hai fatti per te, o Dio, e il nostro cuore non ha pace finché non riposa in te».

Il silenzio l’ascolto sono due premesse che ci consentono di entrare nella preghiera.

Il silenzio aiuta infatti a mettere a tacere la nostra fantasia, il nostro essere, ad azzerare tutto ciò che può disturbare. Occorre entrare nella preghiera come poveri, non come abbienti, riconoscendo di non essere capaci di pregare. Un silenzio che ascolta, che accoglie, che si lascia animare. (Card. Martini)

 

 

 

 

Preghiera

Onnipotente, santissimo, altissimo e sommo Iddio, ogni bene,

sommo bene, tutto il bene, che solo sei buono,

fa’ che noi ti rendiamo ogni lode,

ogni gloria, ogni grazia, ogni onore,

ogni benedizione e tutti i beni. Fiat! Fiat! Amen. (S. Francesco d’assisi)